Da un lato c’è Musumeci che si circonda di impresentabili piazzati nelle sue liste ma la parentopoli Cinquestelle è altrettanto vergognosa: la Sicilia ha bisogno di persone pulite e di gente che merita, non possiamo consegnare questa terra a chi pensa di occupare le istituzioni con sorelle, figli, fratelli e fidanzate.
Giancarlo Cancelleri che ha perso la voce a furia di urlare la parola impresentabili farebbe meglio a guardare cosa succede in casa sua e spiegare quali ‘meriti’ hanno portato la sorella Azzurra ad essere eletta alla Camera.
Ma l’elenco della “Parentolopi Cinquestelle” è lungo ci sono compagni di parlamentari assunti al parlamento come portaborse, c’è il fratello di un parlamentare regionale che è stato candidato tre volte negli ultimi cinque anni, ci sono marito e moglie che si alternano nelle candidature, e poi ancora figli e familiari che vengono candidati, eletti o assunti.
Sia chiaro essere parente di un parlamentare non è un reato, ma utilizzare la politica per piazzare e assumere i propri parenti nelle istituzioni quando si urla ‘onestà’ e ‘trasparenza’, beh, questo si che è vergognoso. Io che da 30 anni ho formato giovani cervelli, ragazze e ragazzi bravi, costretti a partire per cercare lavoro dico che il merito sarà la mia stella polare e mi circonderò solo di siciliani che conoscono qualcosa, e non qualcuno. Questa è #lasfidagentile che serve alla Sicilia.

Commenti